Asilo nido Acilia

L'Emilio, prima infanzia ad alto contatto.

Tutto su di noi

L'Emilio asilo nido Acilia: l'importanza dal con-tatto.

Molti studi dimostrano l'importanza del contatto fisico nei primi mesi di vita per un sano sviluppo psicofisico dei bambini. Ogni scuola ha un suo modello educativo, quello dell'Emilio asilo nido Acilia partendo da Rousseau e avvalendosi di studi di fisiologia e di antropologia, di elementi del modello montessoriano e steinerianno ( tanto per citarne alcuni) si basa sull'ascolto empatico, sul rispetto dei bambini e delle peculiarità di ciascuno di essi e sul contatto fisico, che non viene considerato un "vizio" ma una necessità e una grande opportunità di crescita sia per i bambini che per chi ha il privilegio di occuparsene.

L'Emilio asilo nido Acilia: il progetto “Senza Pannolino”.

Una delle peculiarità dell'Emilio è il progetto "Senza pannolino" che rende l'asilo nido Acilia un' eccellenza nel suo campo. Il progetto prevede un affiancamento alle famiglie già nei primi due mesi di vita del bambino, per essere accompagnati ad osservare e ad accogliere i segnali dei piccoli nel momento in cui hanno bisogno di fare pipì o cacca. Questa pratica, altrimenti detta EC (elimination comunication), permette di rinforzare la capacità dei bambini di percepire e comunicare i propri bisogni e di evitare l'utilizzo dei pannolini sin dalla nascita, come accade nella maggior parte dei Paesi del mondo. Per maggiori informazioni sulla nascita e lo sviluppo del progetto http://itikdimammapancia.blogspot.it/p/senza-pannolino.html.

L'Emilio asilo nido Acilia: l’ascolto empatico del bambino.

Uno dei principi su cui si basa il lavoro delle educatrici di questo asilo nido Acilia è rappresentato dall’ascolto empatico. La prospettiva è quella di un cambiamento radicale nell’approccio alla comunicazione con il bambino. In genere, quando i bambini piangono, si è portati a pensare che abbiano fame, sete o sonno. Non si pensa quasi mai a un disagio psicologico o a una semplice richiesta di contatto fisico. Il metodo educativo dell' asilo nido Acilia Emilio, invece, restituisce anche ai più piccoli la loro dimensione psicologica e trova uno dei suoi principi basilari nell’interpretazione del linguaggio non verbale dei piccoli.

L'Emilio asilo nido Acilia: l'importanza del "portare" i bimbi.

Il contatto fisico con il bambino viene universalmente considerato necessario specialmente durante i primi di attimi di vita del neonato. Secondo il metodo educativo proposto da questo asilo nido Acilia, il contatto fisico è importantissimo anche nelle fasi successive, persino superati i due anni di età. Un contatto che deve essere quanto più possibile rispettoso e amorevole, per poter soddisfare un vero e proprio bisogno primario del piccolo. Per questo motivo gli educatori utilizzano vari supporti porta-bebè, facilmente indossabili, che assicurano il bambino al corpo dell’adulto, e lo mantengono in contatto “continuo”, rispettando sia la fisiologia del bambino che quella degli educatori. I supporti utilizzati infatti sono ergonomici, permettono cioè la giusta postura sia a chi porta che a chi viene portato

 L'Emilio asilo nido Acilia: l'importanza del contatto con la natura

"Non voglio che l'Emilio cresca nell'aria viziata di una stanza, ma che venga condotto ogni giorno in un prato. Una volta là, corra pure a perdifiato, sgambetti, cada in terra cento volte al giorno, tanto meglio: imparerà più presto a rialzarsi. Il benessere della libertà compensa molte ferite". (J.J. Rousseau - Emilio). Da questa massima di Rousseau nasce la nostra consuetudine di accompagnare spesso i bambini negli spazi esterni. I bambini hanno a disposizione un ampio giardino ma a volte preferiscono andare a passeggiare nello stupendo Parco che ospita la nostra struttura.Il contatto con la natura per noi è parte integrante del processo educativo e un grande alleato nei momenti delicati. Quando un bambino affronta situazioni di stress lo stare all'aperto è già di per sé un lenitivo e una fonte di nuova energia. Si sente parlare spesso di disturbi legati al cosiddetto " deficit di natura" ovvero la mancanza di una vita in contatto diretto con la natura, i bimbi cresciuti nella nostra struttura sono decisamente avvantaggiati da questo punto di vista e possono godere anche dei benefici derivanti dall'avere un orto, alle cui cure contribuiscono, ognuno secondo le proprie possibilità, ma tutti con tantissimo divertimento.

L'Emilio asilo nido Acilia: l’allattamento.

L’aspetto nutrizionale ovviamente rappresenta una questione importante anche dal punto di vista della crescita sociale ed emotiva del bambino. Questo asilo nido Acilia promuove l’utilizzo del latte materno, anche laddove non sia possibile un allattamento costante (es. se la madre ha già ripreso la sua vita lavorativa). Molti studi affermano le qualità del latte materno, da preferire in assoluto alle controparti industriali. Contiene tutte le sostanze nutritive di cui il bambino ha bisogno, non necessita di alcuna preparazione, rafforza il sistema immunitario, favorisce lo sviluppo del cervello e di funzioni importanti come la vista. Insomma, è l’alimento più adatto al piccolo ed è per questo motivo insostituibile. Per informazioni sui principi educativi adottati nella struttura è possibile consultare il sito www.asilonidoacilia.rm.it.

L'Emilio asilo nido Acilia: i principi di Rousseau.

Jean-Jacques Rousseau è stato probabilmente il primo intellettuale a teorizzare un educazione “secondo natura”, ovvero fondata su un approccio volto ad assecondare le attitudini del bambino. Un’educazione che ponga l’attenzione, più che sull’impartire valori e nozioni, sull’evitare interventi contrari allo sviluppo naturale del piccolo. Proprio su questo principio si fonda l’azione di L'Emilio, che tra le altre cose prende il nome proprio dall’opera di pedagogia più famosa dell’intellettuale svizzero. Un principio che ha funto da ispirazione per il sistema educativo proposto dalla struttura, innovativo ma comunque molto efficace.

L'Emilio asilo nido Acilia: il metodo Montessori.

Il metodo Montessori ha rappresentato un cambiamento radicale della pedagogia. E’ stato sviluppato nel corso del Novecento e ha dato il via alla costruzione di molte scuole in giro per il mondo. Si basa anch’esso sul rispetto delle specificità del bambino e su un approccio allo sviluppo autonomo e naturale. E’ un metodo molto difficile da mettere in pratica, che richiede risorse e competenze ingenti, ma che può fungere da ispirazione ai sistemi educativi più svariati. L'Emilio prende a prestito buona parte dei concetti espressi dalla pedagoga italiana, e li rielabora per offrire ai piccoli un’educazione in grado di favorirne la crescita e lo sviluppo delle capacità emotive, cognitive e sociali.

L'Emilio asilo nido Acilia: l’utilizzo dei supporti.

Il percorso di crescita del piccolo è, al giorno d’oggi, costellato di oggetti e di giocattoli, che in verità ricoprono una importanza abbastanza limitata nello sviluppo. Ciò che conta, seconda la prospettiva che caratterizza questo asilo nido Acilia, è il contatto tra bambino e adulto. Un contatto che deve essere in primo luogo fisico, diretto, “cutaneo”, dunque “pelle a pelle”. Un contatto che non deve essere episodico, ma prolungato. Per questo motivo gli educatori utilizzano semplici ma efficaci supporti che consentono ai bambini di mantenere una relazione “tattile” con l’adulto. Vengono utilizzate, nello specifico, della fasce che assicurano il corpo dei bambini a quello dell’educatore.

L'Emilio asilo nido Acilia: la “fascioteca”.

La struttura mette a disposizione dei genitori una “fascioteca”. Questo termine, coniato per l’occasione, indica l’offerta di “fasce”, ossia dei supporti in grado di assicurare il piccolo al corpo della madre. I genitori possono prendere a prestito le fasce per mantenere uno stretto contatto fisico con i figli e per abituarsi a loro volto a questo tipo di relazione, molto intima ma anche funzionale allo sviluppo armonico del bambino. Esistono varie tipologie di fasce: rigide, elastiche, pouche, mei tai. Quest’ultima è quella maggiormente utilizzata dalla struttura, particolarmente adatta per le passeggiate.

L'Emilio asilo nido Acilia: il bisogno psicologico del bambino.

Il senso comune riserva poco spazio ai bisogni psicologici dei bambini molto piccoli (quelli da un anno di età in giù). In genere si pensa che le loro esigenze si limitino al contatto e alla soddisfazione della fame e della sete. Secondo i principi di questo di questo asilo nido Acilia anche i più piccoli possiedono una certa dimensione psicologica, che ovviamente va gestita con estrema cura. L’approccio principale è rappresentato dall’ascolto empatico, che consiste nell’interpretazione dei segnali che i bambini lanciano. E’ su questo approccio che si fonda il progetto “Senza Pannolino”.

L'Emilio asilo nido Acilia: il ruolo dell’accudimento nello sviluppo del bambino.

L’accudimento affettivo gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo del bambino non solo dal punto di vista sociale ma anche da quello cognitivo. Alcuni studi recenti dimostrano l’esattezza di questa affermazione, che comunque fa già ampiamente parte del senso comune. Johanna Bick della Boston Medical School ha osservato due gruppi di bambini. I primi, per varie vicissitudini, erano stati costretti a uno orfanotrofio nel quale hanno ricevuto poco affetto. I secondi invece hanno goduto delle attenzioni dei genitori naturali o adottivi. Ebbene, il gruppo che ha subito la cosiddetta “deprivazione affettiva” ha fatto registrare significativi ritardi nello sviluppo delle abilità cognitive e in alcuni casi gravi problemi psicologici, manifestati già in giovane età.

L'Emilio asilo nido Acilia: il doposcuola.

La struttura accoglie bambini dai 3 mesi fino ai 5 mesi e mezzo. Una parte di questi, quindi, ha già intrapreso il primo anno di scuola, e quindi devono affrontare i primi compiti per casa. Gli educatori di questo asilo nido Acilia seguono i bambini nella realizzazione dei compiti, e lo fanno con un approccio che cerca di favorire l’espressione delle loro capacità e rende queste incombenze un’occasione di gioco e di divertimento. Un modo senz’altro più canonico di accudire i bambini e aiutarli nel loro percorso di crescita.

L'Emilio asilo nido Acilia: la Notte Bianca.

Lo strumenti principale della crescita per un bambino è il gioco. E’ normale, quindi, che questo asilo nido Acilia cerchi di creare occasioni di divertimento. Una di queste è particolare e ha molto a che vedere con i classici pigiama party, che in teoria dovrebbero interessare solo i ragazzi di una certa età. La struttura organizza ogni mese una serata in cui i bambini possono soggiornare nella scuola dalle 18.30 fino al mattino successivo. Un’opportunità di divertimento per i piccoli, che quindi possono divertirsi in modo diverso.

Espandi
Roma

00125 - Roma (ROMA) Lazio
Via Bruno Molajoli, 66
Distanza dal centro: 17,42 Km
Telefono: 0652169061
Partita IVA: IT 13066991004
Responsabile trattamento dati: Ronci Giordana

Roma

00119 - Roma (ROMA) Lazio
via Rainaldo, 18
Ostia Antica
Distanza dal centro: 21,78 Km
Partita IVA: IT 13066991004
Responsabile trattamento dati: Ronci Giordana